Ultima modifica: 20 novembre 2017

Scuola dell’Infanzia Zirotti di Maclodio [Organizzazione]

 ORARIO 2017/2018

ORGANIGRAMMA DOCENTI INFANZIA MACLODIO

 

SEZIONE DOCENTI
CAVALLUCCI

 

TARTARUGHE DELFINI
 

SALA ALDINA

MOLINARI CHIARA

CARCANGIU ELENA (SOSTEGNO)

CITO JESSICA (ASSISTENTE ALLA AUTONOMIA)

 

SAIA FRANCESCA

SANO’ DONATELLA

 

MARCHI MARTA

GRUMELLI MARIANGELA

 

SAVARESI TULLIA INSEGNANTE I.R.C.

 

LA GIORNATA SCOLASTICA  DELLA  SCUOLA  DELL’INFANZIA   DI  MACLODIO

 

ORARIO

 

ATTIVITA’

 

SPAZI

 

GRUPPI

 

COSA FANNO I BAMBINI

 

 

COSA FANNO LE MAESTRE

 

8.00 – 8.45

 

 

ACCOGLIENZA

GIOCO

ATTIVITA’

 

SEZIONE

 

ETEROGENEO

ARRIVANO A SCUOLA., METTONO LA PRESENZA ,SALUTANO I GENITORI,

SCELGONO LO SPAZIO PER GIOCARE

ACCOLGONO I BAMBINI, COMUNICANO CON I GENITORI, CONTROLLANO I BAMBINI, PROPONGONO ATTIVITA’
 

8.45 – 9.30

 

 

PRESENZE

CALENDARIO

INCARICHI

 

SEZIONE

 

ETEROGENEO

SEDUTI SULLE PANCHINE A TURNO

FANNO L’APPELLO, IL CALENDARIO

CON TUTTI I SIMBOLI INDICATORI

SOLLECITANO L’ATTENZIONE E LA PARTECIPAZIONE DEL GRUPPO
 

 

9.30 – 10.30

 

 

 

 

 

PRATICHE DI IGENE QUOTIDIANE, SPUNTINO DI META’ MATT.

CONVERSAZIONI

ATTIVITA’ RICORSIVE/ GIOCO

 

 

SEZIONE

 

 

ETEROGENEO

CONVERSANO RISPETTANDO LE REGOLE, RACCONTANO ESPERIENZE, DISEGNANO, COLORANO, FANNO ATTIVITA’ MANIPOLATIVE, GRAFICHE, GIOCHI SIMBOLICI FAVORISCONO LA CONVERSAZIONE, ASCOLTANO, RACCOLGONO LE  CONSIDERAZIONI DEI  BAMBINI, PROPONGONO LE ATTIVITA’,ACCOMPAGNANO, GUAR-DANO, PREPARANO IL MATERIALE
 

10.30 – 11.30

GIOCO LIBERO/ O

 

 

ATTIVITA’ DI COMPRESENZA

 

 

SALONE/ SEZIONE O AMBITI DI COMPE

TENZA

ETEROGENEO

 

 

OMOGENEO

(per età)

 GIOCANO NELLO SPAZIO SCELTO

 

GIOCANO, RACCONTANO, INVENTANO, PROGETTANO, COSTRUISCONO,

MANIPOLANO, COOPERANO, COMUNICANO, APPRENDONO

OSSERVANO, RICHIAMANO ALLE REGOLE

 

 

PREPARANO L’AMBIENTE, OSSERVANO,

MEDIANO, PARTECIPANO, PROMUOVONO

SOLLECITANO, AIUTANO, RINFORZANO

 

 

11.30 – 11.45

PRATICHE DI IGENE

QUOTIDIANE

 

BAGNO

 

ETEROGENEO

VANNO IN BAGNO CON IL COMPAGNO,

SI PREPARANO PER IL PRANZO

 

ACCOMPAGNANO, AIUTANO E CONTROLLANO
 

11.45 – 12.30

 

PRANZO

 

 

 

 

 

REFETTORIO  

ETEROGENEO

SI SISTEMANO OGNI GRANDE VICINO

AL PROPRIO PICCOLO, DISTRIBUISCONO IL PANE, LA FRUTTA , LE POSATE , SPARECCHIANO

PROPONGONO DI ASSAGGIARE, ASCOLTANO, RICORDANO GLI INCARICHI, COORDINANO I CAMERIERI.
 

12.30 – 13.45

RIORDINO BAVAGLIE

GIOCO LIBERO

 

SEZIONE

SALONE

GIARDINO

 

ETEROGENEO

PANCHINE

GIOCANO NELLO SPAZIO SCELTO O LIBERAMENTE IN GIARDINO

OSSERVANO, MEDIANO, RICHIAMANO ALLE REGOLE, SOSTENGONO IL GIOCO
 

14.00 – 15.45

 

ATTIVITA’ RICORSIVE

RIORDINO

 

SEZIONE

 

ETEROGENEO

PROSEGUONO LE ATTIVITA’ DEL MATTINO , UTILIZZANO MATERIALE

STRUTTURATO E NON, RIORDINANO

PREPARANO L’ATTIVITA’, AIUTANO, CONVERSANO CON I BAMBINI, COORDINANO,

CANTANO

 

15.45 – 16.00

 

USCITA

 

 

 

SEZIONE

 

ETEROGENEO

ASPETTANO I GENITORI SEDUTI SULLE PANCHINE, TOLGONO LA PRESENZA FORNISCONO INFORMAZIONI SULLA GIORNATA AI GENITORI

 

TUTORING  L’INSEGNAMENTO RECIPROCO

È una struttura didattica efficace per lo scambio di informazioni e di abilità

IL TUTORING pone due obiettivi educativi primari:

“IMPARARE AD IMPARARE”

“IMPARARE A LAVORARE CON GLI ALTRI ”

IL RUOLO DELL’INSEGNANTE È DI REGIA

Attivare, organizzare e orientare verso il compito le potenziali risorse di apprendimento dei singoli alunni.

VANTAGGI PER IL TUTOR

-SUL PIANO COGNITIVO E AFFETTIVO-

1 RAGGIUNGIMENTO DI OBIETTIVI SCOLASTICI maggiori conoscenze, una migliore organizzazione, ed un migliore uso degli strumenti, consolida conoscenze già acquisite, colma lacune. Si concentra sulla comprensione potenzia la memoria e la comunicazione del pensiero

2 APPRENDIMENTO DI ABILITA’ SOCIALI: la cultura dell’aiuto reciproco favorisce la solidarietà e la sensibilità verso l’altro controlla il suo modo di esprimersi

3 AUMENTA LA MOTIVAZIONE un atteggiamento più positivo nei confronti dell’apprendimento e della struttura scolastica

4 INCREMENTO DELL’AUTOSTIMA acquisisce fiducia in sé stesso; maggior senso di responsabilità e di sicurezza verifica la sua capacità di coinvolgere l’altro

VANTAGGI PER IL TUTEE

SUL PIANO COGNITIVO ED AFFETTIVO

1 APPRENDIMENTO INDIVIDUALIZZATO: è possibile selezionare i compiti più adeguati. Il ritmo della presentazione può essere costantemente calibrato. Il tutee riceve un feedback regolare sulla correttezza dei propri sforzi ed è soggetto ad un attento monitoraggio.

2 PROGRESSI NELLE RELAZIONI INTERPERSONALI: la vicinanza di età fra tutore e tutee crea un’identificazione che gioca a favore della relazione e si innesca un processo di generalizzazione. L’amicizia con un bambino più grande di status elevato rafforza l’autostima.




Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi